Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Stadio della Roma

Stadio della Roma, Berdini: “Ubicato nel posto sbagliato, era chiaro a tutti sin dall’inizio”

“Temo che vedremo la prima pietra in un Comune vicino Roma”

È pazzesco quello che sta avvenendo, purtroppo però era tutto già scritto. Questo è l’ultimo atto di una commedia degli equivoci che riguarda uno stadio ubicato nel posto sbagliato. Era chiaro a tutti: era chiaro alla Roma, che ha fatto forzature, e al Comune che ha subìto questa iniziativa“.

Lo dice l’ex assessore all’Urbanistica Paolo Berdini, intervenuto ai microfoni di Adnkronos per commentare le indiscrezioni di alcuni quotidiani, tra cui Messaggero e Corriere della Sera, secondo cui la Giunta di Virginia Raggi punterebbe a tenere il punto sulle opere pubbliche promesse per spingere la Roma a sfilarsi dal progetto.

Se avessero dato retta due anni e mezzo fa a Ferdinando Imposimato (presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione scomparso a gennaio 2018, ndr), che aveva preparato la strada perfetta per togliere l’interesse pubblico a quella follia dello stadio della Roma, e avessero dato retta a me, avremmo risolto questa questione e forse adesso già ci sarebbe la prima pietra. Temo invece che vedremo la prima pietra in un Comune vicino Roma“, aggiunge riferendosi all’ipotesi Fiumicino.

Questo gioco cinico sulle spalle della Roma riguarda l’abbandono di ogni pianificazione. Sono 6 anni che l’opinione pubblica è bloccata su una vicenda marginale come lo stadio, in realtà almeno 100 progetti importanti sono bloccati dalla crisi piombata sulla città. Ora – conclude – si tratta di ricominciare dallo sblocco di questi progetti fermi da troppo tempo, sarebbe l’unica speranza di questa città“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma