Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Veretout: “La Roma è un grande club. Le parole di Fonseca mi hanno convinto” (VIDEO)

Alle 12 il nuovo acquisto della Roma Jordan Veretout si è presentato a stampa e tifosi

Presso la sala conferenze del centro sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria, è la volta di Jordan Veretout. L’ex centrocampista della Fiorentina è arrivato in giallorosso dopo una lunga trattativa ed oggi si presenterà finalmente in conferenza stampa. Queste le dichiarazioni del giocatore:

Ha giocato in ruoli diversi. In cosa è migliorato?
“A centrocampo ho ricoperto tutti i ruoli. Davanti alla difesa ho imparato molto e acquisito maturità, serve più riflessione rispetto a una posizione offensiva. Devo migliorare e progredire”.

Cosa l’ha convinta a scegliere la Roma?
“La Roma è un grande club, ho parlato al telefono con Fonseca e le sue parole mi hanno convinto. Avevo voglia di venire qua, è un passo avanti nella mia carriera”.

Sull’obiettivo Champions.
“La Roma è un gran club, tutti gli anni ambisce a fare la Champions. L’obiettivo è tornarci la prossima stagione, sta a noi impegnarci per riuscirci”.

Dopo tre anni non è un pò in ritardo con l’italiano?
“La prossima volta parlerò italiano sicuramente. Oggi in francese”.

L’eventuale permanenza di Dzeko può aiutare la Roma ad andare in Champions?
“E’ un grande giocatore, ha grande fisico e segna tanto. Sicuramente la sua permanenza ci può aiutare”.

Sul ruolo.
“E’ diverso giocare a tre o a due a centrocampo. A tre sarei una mezzala, mentre a due serve giusto equilibrio per dare propensione offensiva e copertura a centrocampo”.

Che cosa ha pesato di più tra la Roma ed il Milan?
“Oggi sono qui e sono felice, era la mia volontà. Sono in una bella città e compagni bellissimi. Vogliamo fare qualcosa di bello, ha influito anche la telefonata del mister, sono felice qui”.

Vuoi fare una promessa ai tifosi?
“E’ una tifoseria straordinaria, c’è un ambiente bellissimo. Vogliamo fare una bella stagione e regalargli belle soddisfazioni”.

Puoi chiarire meglio la chiamata di Fonseca? Che cosa ti ha detto?
“Mi ha telefonato dicendomi di volermi fortemente ed ha usato parole di fiducia che mi hanno convinto e mi hanno fatto prendere la mia decisione”.

Durante i giorni della trattativa hai parlato con Montella della Roma?
“No, non abbiamo parlato molto della Roma. Era la mia intenzione quella di fare un passo avanti nella mia carriera”.

Che numero di maglia hai scelto?
“I numeri che preferivo erano già presi, voglio del tempo ancora per sceglierne un altro”.

De Rossi, Strootman e Nainggolan, a chi pensi di assomigliare di più?
“Hai citato tre grandi calciatori, io mi impegnerò a fare il massimo in allenamento e spero di fare un’ottima stagione”.

Hai parlato con il capitano della Roma? Che ti ha detto?
“Non ci ho ancora parlato, ma al mio arrivo mi ha inviato un messaggio e mi ha fatto molto piacere riceverlo. Nei prossimi giorni avremo modo di parlare”.

Cosa ti manca per la nazionale maggiore?
“Ho vinto il Mondiale Under 20, uno dei miei obiettivi è raggiungere la nazionale. Alla Roma verrò monitorato con maggiore attenzione”.

Hai parlato con Fonseca per i calci piazzati?
“Vedremo, qui ci sono già calciatori che lo fanno. Io continuerò a prepararmi, ma ne discuteremo”.

Fonseca ti ha chiesto più ruoli di costruzione o di distruzione del gioco avversario?
“Nella fase di impostazione occorre anche fare una buona fase difensiva”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa