Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Fonseca: “La squadra è pronta per questa partita, il rinnovo di Dzeko un mio desiderio” (VIDEO)

Il portoghese è intervenuto in conferenza stampa

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della prima giornata di campionato contro il Genoa:

Mister ci racconta le sue emozioni per la sua prima all’Olimpico?
“Ho già vissuto questa esperienza con il Real. Sono molto motivato e fiducioso. E’ lo scenario ideale per iniziare la stagione”

Dal primo allenamento alla vigilia dell’esordio quanto è migliorata la Roma?
“Sono sicuro che la squadra sia cresciuto durante il precampionato. Sento che la squadra è cresciuta e arriva pronta a questa partita. C’è comunque molto da lavorare”

Lei ha avuto un ruolo chiave per far sentire Dzeko importante. Qual è il significato di poter contare su Dzeko?
“Sono molto felice della permanenza di Dzeko, era un mio desiderio. Ero fiducioso fosse rimasto, è un calciatore importante”.

La Roma sta cercando un centrale di difesa. Domani giocherà Mancini?
“Stiamo cercando un difensore con esperienza che migliori la squadra. Non vogliamo prendere un difensore tanto per acquistare, deve essere una scelta ponderata e fatta con criterio. Qualora si presentasse l’occasione la coglieremo. Mancini è giovane, appena arrivato. Sta crescendo bene, è abituato a giocare con un sistema di gioco diverso. Domani giocheranno Fazio e Jesus”.

Lei ha avuto subito un impatto sui calciatori. Se la sente di essere il “Conte” della Roma?
“Non so se è una scommessa. Io credo in me stesso e credo che siamo forti e renderemo orgogliosi i tifosi. Non ho la necessita di scommettere su me stesso, siamo qui per lavorare”.

Negli ultimi giorni si è parlato di Riccardi per portare Rugani alla Roma. Sarebbe disposto a sacrificarlo?
“Nessuno ha parlato con me di questa trattativa. Riccardi è un calciatore nel quale tutti hanno grandi speranze. E’ stato infortunato e non si è allenato molto con noi. Ho bisogno di conoscerlo meglio, ma è indubbio che abbia talento. Deve crescere e continuare a lavorare”.

La Roma potrebbe cominciare il campionato con la squadra della scorsa stagione ma senza Manolas, De Rossi e El Shaarawy. E’ soddisfatto dei calciatori a disposizione?
“Sono contento e soddisfatto di tutti”.

Perché Schick non è riuscito a esprimere il suo talento?
“Qui ha una concorrenza spietata e non è stato utilizzato molto. Domani comunque sarà convocato. Ci sono calciatori che richiedono più tempo per adattarsi alle mie richieste, Schick è uno di questi”.

Il centrocampo è cambiato molto: ci sono Pellegrini, Cristante, Diawara e Veretout. Chi può fare il regista in modo migliore?
“Questa è una zona del campo che mi procurerà un mal di testa positivo. Sono quattro calciatori forti. Veretout è un po’ indietro di condizione rispetto agli altri. Avrò difficoltà a sceglierne due. Cristante ha fatto un ottimo precampionato e domani sarà sicuramente titolare. Pellegrini e Diawara sono arrivati dopo, sono due calciatori intelligente. Per noi questo ruolo è fondamentale. Sono sicuro che avrò sempre difficoltà a scegliere il titolare”.

In rosa sugli esterni ci sono solo Under, Kluivert e Perotti. Ci sarà un arrivo o state pensando di avanzare Florenzi?
“E’ una possibilità, lo abbiamo provato in quel ruolo e le risposte sono state positive”.

State cercando un difensore. E’ arrivato Cetin, lo ha valutato? Veretout sarà convocato? E’ pronto per giocare?
“Veretout verrà convocato e se lo riterrò opportuno potrebbe giocare. Cetin si tratta di un’opportunità che si è presentata. Era un calciatore che seguivamo, ma è un calciatore per il futuro. Si sta allenando con noi per il momento”.

Si aspettava un difensore prima dal mercato? Rugani le piace?
Non parlo di calciatori che non fanno parte della nostra rosa. Rugani è un buon giocatore ma non è qui e non ne parlo. Vogliamo prendere un centrale che migliori veramente la qualità della rosa. Avrei preferito averlo dall’inizio ovviamente, potendo scegliere. Ma ho piena e totale fiducia nei centrali che ho a disposizione”.

Oltre al rinnovo di Dzeko è arrivato anche quello di Zaniolo. Che risposte si aspetta da loro?
“Zaniolo ha fatto un ottimo precampionato. E’ forte e giovane, deve migliorare tatticamente. Ha bisogno di crescere, ma può essere molto importante per noi come già è stato in questo precampionato”.

Alcuni tifosi sono preoccupati per un gioco troppo offensivo. Cosa pensa di fare per superare le squadre troppo chiuse? Come prosegue il percorso di Kluivert?
“Kluivert è un calciatore giovane, ci sono grandi speranze riposte su di lui. Anche lui ha bisogno di tempo per adattarsi. Voglio che la mia squadra domini, abbia il controllo della palla e giochi nella metà campo offensiva. Conoscendo il campionato italiano, dovremmo essere bravi a gestire le ripartenze degli avversari. Lo faremo spesso tranne quando gli avversari ci costringeranno a difenderci di più”.

Andreazzoli davanti ha due calciatori veloci davanti. E’ preoccupato?
“Il Genoa è forte. Lo abbiamo analizzato. Li conosciamo bene, abbiamo lavorato sulla parte tattica e strategica. Sono sicuro che domani la squadra è pronta per fare una buona partita contro un avversario forte e esperto”.

Il suo cammino nella Roma sarà legato all’accesso tra le prime quattro quest’anno o avrà più tempo?
“Gli allenatori vivono di risultati. So che devo soddisfare le ambizioni di club e tifosi. Spero di rimanere qui per molto tempo”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa