Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Si ferma Perotti: Kluivert cerca un altro esordio da applausi

L’argentino si ferma nella rifinitura: per Kluivert ecco una maglia da titolare

L’ennesimo infortunio muscolare di Diego Perotti, escluso all’ultimo momento dalla lista dei convocati per la gara di questa sera contro il Genoa, ha scombussolato i piani di Paulo Fonseca, e allo stesso tempo ha messo a nudo quanto fossero fragili i muscoli dell’argentino, appena 811’ la scorsa stagione. Il forfait apre la strada a Justin Kluivert, a meno che il tecnico portoghese non decida di gettare nella mischia l’ultimo arrivato Zappacosta e di alzare Florenzi sulla linea dei trequartisti.

La soluzione più probabile resta l’utilizzo nella formazione titolare di Kluivert. Stasera potrebbe avere l’occasione giusta per prendersi un ruolo che in questo momento è vacante. “Kluivert è un giovane sul quale abbiamo tanta fiducia – ha detto Fonseca –. Anche lui ha bisogno di capire meglio il tipo di gioco che chiedo, ma è in crescita“. La sensazione è che Justin abbia davvero in mente di cambiare marcia. Lo scorso anno l’esordio in A fu positivo: Di Francesco lo mandò in campo a Torino al 70’ di una gara complicata, che proprio una sua giocata contribuì a sbloccare.

Ci sono stati alcuni picchi – con il gol al Viktoria Plzen è diventato il più giovane romanista a segnare in Champions –, ma nel complesso è stata una stagione con più bassi che alti. Anche il suo precampionato non è stato memorabile, ma nell’ultima amichevole disputata dai giallorossi, ad Arezzo, ha segnato e dato segnali incoraggianti. La speranza, di Fonseca e dei tifosi romanisti, è che questa sera possa ripetersi. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa