Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ora Pellegrini vuole riportare in alto la Roma. Dedica pronta per Camilla

Lorenzo Pellegrini vuole vincere il derby: pronta la dedica alla figlia da poco nata

Il derby della scorsa stagione gli spalancò le porte della Roma, quello di domenica può dargli la consacrazione definitiva. Di certo Lorenzo Pellegrini lo vivrà in modo particolare, lui che è romano e romanista. Il pareggio col Genoa ha già creato malumori e ansie intorno alla squadra e il derby alla seconda giornata, se prima poteva sembrare un vantaggio, oggi non lo è più. La Roma sa bene che è obbligatorio fare risultato per non vivere due settimane pesantissime e andare già a -5 dalla Lazio.

Nel derby dello scorso 29 settembre Pellegrini aprì le danze con un colpo di tacco e le chiuse con l’assist su punizione per il definitivo 3-1 di Federico Fazio. In caso dovesse andare bene domenica, Pellegrini avrebbe anche la dedica già pronta, visto che il 15 agosto scorso è diventato papà per la prima volta della piccola Camilla. La bambina tra l’altro è nata due giorni prima di Mattia, il terzo figlio di Ciro Immobile, con cui Pellegrini ha condiviso uno scatto social con in braccio i due nuovi arrivati, nati nella stessa clinica.

In questi giorni Fonseca sceglierà come schierarlo, se mediano davanti la difesa come contro il Genoa o magari trequartista centrale alle spalle di Edin Dzeko. La possibilità di vederlo alto contro la Lazio c’è, con il tecnico portoghese che sembra intenzionato a buttare dentro uno da Diawara e Veretout in mezzo al campo per dare maggiore equilibrio alla squadra. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa