Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il piano di Fonseca: “Pronto a cambiare in caso di necessità”

Il tecnico portoghese: “Non sono dogmatico

Il primo vero derby della sua carriera da allenatore. La prima volta in cui Paulo Fonseca sembra adeguarsi allo stile tutto italiano degli allenatori che non vogliono regalare mai anticipazioni. La conferenza pre-partita dell’allenatore portoghese racconta di un allenatore che non vuole fornire informazioni, se non quella che forse sì “Florenzi potrebbe giocare alto. È una soluzione che abbiamo provato in settimana“. Sulla fascia destra potrebbe esserci al suo posto Zappacosta, per il resto Fonseca si prende una notte (di ritiro a Trigoria) per sciogliere gli ultimi dubbi.

Di certo Fonseca ha studiato una Roma più accorta (“Non sono un allenatore dogmatico, posso cambiare a seconda delle situazioni“, chiarisce) e ha studiato anche la Lazio. Non ci sta, il tecnico portoghese, a vedere la Roma considerata dopo anni sfavorita, ma lo dice con toni calmi: “Non mi interessano queste cose, conta il campo“. E il campo dice che in difesa, con Fazio, dovrebbe esserci Mancini, perché Smalling è appena arrivato e diventerà titolare dopo la sosta: “Chris ha tutto quello che ci serviva, dalla rapidità all’esperienza. Mancini può giocare, Juan Jesus deve essere forte dopo le critiche perché i miei calciatori hanno il dovere di esserlo. Ma quello che voglio chiarire è che non ci sono errori dei singoli, contro il Genoa le mancanze sono state collettive e la responsabilità è sempre la mia perché io faccio le scelte“. Schick proverà a chiudere in extremis con il Lipsia e la Roma a prendere Kalinic, ma oggi il pensiero sarà rivolto solo al derby. Lo riporta il Corriere della Sera.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa