Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Già in tre finiti ko, è incubo infortuni. “Colpa di Trigoria”

Torna l’incubo infortuni a Trigoria

La preoccupazione è che l’incubo degli infortuni muscolari non sia evaporato con la fine della scorsa stagione. E dentro Trigoria si cerca di correre ai ripari. Sono già tre infatti i ko in squadra: Spinazzola, Perotti e Zappacosta sono le prime vittime di un avvio di campionato un po’ opaco. Nella scorsa stagione gli infortuni sono stati circa 50, un numero che non può essere un caso ed ha portato al cambiamento dello staff medico e dei fisioterapisti. Ma nonostante siano cambiato Paulo Fonseca si trova subito a convivere con la mancanza di uomini pesanti.

Il nuovo mister vuole subito scoprire le possibili cause: la consistenza dei terreni di Trigoria potrebbe essere una. Dalla scorsa settimana infatti si sta rifacendo totalmente il manto erboso di uno dei campi dove si allena la prima squadra. Una rotazione della rizollatura avviene spesso, ma la tempistica è al momento legata proprio al voler cercare una soluzione che prevenga questi traumi fisici. L’ultimo a fermarsi a fermarsi è stato Zappacosta nel riscaldamento pre-derby. Per lui lesione di secondo grado al soleo del polpaccio sinistro, stop di almeno tre settimane. Distrazione al bicipite per Spinazzola.  Conferma invece il trend negativo dell’anno scorso Diego Perotti, alle prese con una lesione miotendinea al retto femorale sinistro che lo terrà fuori dai campi per un paio di mesi. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa