Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“Chiamatemi Miki”, l’antistar per eccellenza

L’armeno pronto a far innamorare i romanisti

Henrikh Mkhitaryan ha tutto per far innamorare di sé la gente romanista. I recenti numeri contro Italia e Bosnia (di Dzeko) hanno creato la potente premessa dell’afflato. Accolto con freddezza da Londra, nome impronunciabile (quasi una provocazione), nessun tatuaggio o occhiale di tendenza. La negazione della star. “Chiamatemi Miki” ha detto con eleganza. Miki l’armeno farà innamorare i romanisti per lo scarto clamoroso tra il qualunque indifferenziato della sua faccia e il talento grandioso dei piedi.

Primo armeno nel calcio italiano, a 7 anni perse il padre Hamlet, famoso attaccante con trascorsi nel calcio francese, che morì per un tumore al cervello. Poteva annichilirsi nel dolore e invece Miki ha scelto di perseguire il sogno, nella stanza del lutto ha costruito la sua storia. Tecnica, velocità, scaltrezza, visione e pensiero rapido, sa sempre dove andare e lo sa prima degli altri. Sembra l’ideale per il calcio insinuante di Fonseca, Micki assiste e determina.

Parla sei lingue, ha imparato a essere divo senza bisogno di esserlo fuori. Nascere armeni ti consegna a una memoria indelebile e a una storia speciale, è bello pensare che a Trigoria possa legare con i due giovani turchi, che nel suo popolo sono il ricordo di un’odiosa persecuzione. Ha saltato l’ultima finale di Europa League a Baku per via delle tensioni tra armeni e azeri. Facciamo che la Roma gli regali una seconda possibilità. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa