Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini non guarda indietro: “Voglio la Champions”

Parla il centrocampista 23enne

Quando Lorenzo Pellegrini è andato al Sassuolo non era sposato, non aveva figli, aveva anche qualche tatuaggio in meno, non aveva mai lasciato casa e aveva appena scoperto la Serie A. Da quando è tornato alla Roma questa appena iniziata è la sua terza stagione (fisso) in prima squadra. La sfida di domani all’Olimpico sarà speciale, pur non negando il suo affetto per il Sassuolo il centrocampista romano e romanista dice: “Abbiamo bisogno di vincere“. Insieme a Florenzi, Kolarov e Dzeko (e preso anche Mkhitaryan) è uno dei leader della squadra.

La partita contro il Sassuolo deve essere un esame a senso unico. In questo momento è fondamentale vincere visto che giochiamo davanti ai nostri tifosi. Sarà importante anche il loro apporto” ha detto a Sky Sport. Contro la sua ex squadra Pellegrini tornerà a fare il ruolo che preferisce di più, quello del trequartista centrale: “Lì mi diverto. Mi piace molto perché mi permette di inserirmi e di essere più libero. Cerco di mettermi a disposizione e di rubare con gli occhi dai miei compagni che magari sono più bravi di me in alcuni ruoli“. Chiusura sugli obiettivi stagionali: “E’ ovvio che sicuramente quest’anno non ci poniamo obiettivi. Vogliamo migliorare, ma è giusto dire che questa Roma debba giocare la Champions. Il nostro obiettivo deve essere quello di giocarla, ma poi non ci poniamo limiti“. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa