Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Totti e il bambino con i capelli alla Ibra da difendere

Un bambino russo è stato sospeso da scuola a causa della sua acconciatura

Il calcio è la sua passione, ma i bambini lo sono ancora di più. Quando Francesco Totti, subito dopo lo scudetto, si fece crescere i capelli fino alle spalle, tanti ragazzini lo copiarono e chiesero alle mamme la fascetta come la portava lui. Viceversa, nel 2006, quando poco prima del Mondiale tagliò tutto, in molti lo imitarono. Totti lo ha sempre saputo e per questo è rimasto molto colpito dalla storia di Prokhorov Ilinykh, sospeso da scuola per la sua acconciatura. Il ragazzo, infatti, un giorno si è presentato in classe con la sua coda bionda e la rasatura ai lati, come il suo eroe Ibrahimovic. Gli insegnanti l’hanno considerata una provocazione e il piccolo è stato sospeso.

In Russia è montato il caso e non appena Totti, a Mosca per il premio “Football Heroes“, ha sfidato dei bambini a calcio, gli è stata subito raccontata. E lui, ambasciatore Unicef dal 2003, non si è fatto pregare nel prendere posizione: netta, inequivocabile: “Non mi sembra giusto quello che è successo, anzi è surreale. È ingiusto che un bambino sia perseguito perché segue il suo idolo, visto che non fa niente di male. Gli insegnanti dovrebbero riflettere“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa