Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dall’esordio con il Real Madrid al Basaksehir: il 19 settembre è il “Zaniolo-Day”

Un anno fa l’esordio con la Roma in Champions. 365 giorni dopo domina il Basaksehir

Il 19 settembre è il Zaniolo-day. Nel 2018, infatti, il classe ’99 faceva il suo esordio con la maglia della Roma. E non è stata di certo una prima volta banale: Zaniolo è sceso in campo al Santiago Bernabeu contro il Real Madrid nella prima giornata del giorone di Champions League. Prima, Roberto Mancini lo aveva chiamato in Nazionale senza nemmeno un minuto nelle gambe. Un predestinato. E’ stato un dei pochi (come De Rossi e Cristante, per citare due suoi compagni in giallorosso) ad esordire prima in Champions League che in Serie A.

Esattamente 365 giorni dopo, anno 2019, Zaniolo ha giocato da titolare la gara di Europa League contro l’Istanbul Basaksehir. Partita che ha certificato la crescita mostruosa di questo ragazzo che, prima dell’esordio sul campo del Real, aveva collezionato solo 7 presenze in Serie B con la maglia della Virtus Entella ed un’esperienza nella Primavera dell’Inter. Contro i turchi il numero 22 ha messo a segno una rete e ha fornito due assist ai compagni. Non può essere stato che lui il mattatore della partita vinta 4-0 dalla squadra di Paulo Fonseca. Non segnatelo più come “19 settembre” sul calendario. Da oggi chiamatelo “Zaniolo Day“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra