Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Conferenza Stampa Bologna, Tanjga: “Non abbiamo paura della Roma”. De Leo: “Dobbiamo essere resilienti”

I vice di Sinisa Mihajlovic in conferenza stampa: “È una squadra di grandi qualità, hanno un allenatore di stampo internazionale, hanno voglia di dominare la partita”

Giornata di vigilia in previsione della sfida della Roma contro il Bologna. Oggi in conferenza stampa hanno parlato i vice di Sinisa Mihajlovic, Miroslav Tanjga ed Emilio De Leo.

Come si prepara una sfida dopo aver vinto una partita come quella di Brescia con due tempi giocati in modo diversi?
“Ogni partita fa storia a sé. Noi anche contro la Roma cercheremo di tenere vivo il pallino del gioco e di seguire i nostri principi fondamentali”

Stessa domanda per De Leo.
“Io credo che nella sostanza sia stata un’esperienza la partita di Brescia che serve per crescere. Un processo che è iniziato a gennaio dell’anno scorso e sta proseguendo. È normale che ci siano delle difficoltà in una partita. A Brescia sapevamo che avremmo dovuto partire con un atteggiamento diverso e maggiore concentrazione; quando poi ci siamo trovati di fronte al dover rimontare ci siamo ritrovati. Per me è importante dare un cambio di marcia quando le cose non vanno bene”.

Ancora per De Leo. Con la Roma proverete a fare la partita?
“Abbiamo quella leggerezza che non ci deve mai mancare. La squadra deve essere spavalda in modo sano e magari incosciente ma sempre concentrati. Per un gruppo giovane e coraggioso la spavalderia non deve mai mancare. Senza naturalmente dimenticare le qualità degli avversari ma consci delle nostre”.

Per De Leo: cosa non vi è piaciuto del primo tempo di Brescia?
“Il nostro gruppo diventa squadra nel momento in cui tutti pensano con la stessa testa. A Brescia non eravamo tutti concentrati sul momento, sul qui e ora. Se davanti non ci sono tempi corretti di pressione a ruota tutti i reparti vanno in difficoltà e la squadra si allunga. Nella ripresa, oltre alla superiorità numerica, c’è stato un coinvolgimento di tutti e abbiamo recuperato”.

Alla stessa domanda risponde Tanjga.
“La partita è iniziata male poi ci sono stati errori a livello individuale. Siamo stati fortunati a rimanere in 11 contro 10 e la squadra anche per questo ha cambiato totalmente registro. Siamo stati molto più aggressivi e reattivi”.

Domanda per De Leo: chi giocherà come centravanti? E in difesa?
“Ah, il nome non lo dirò (ride, ndr). Sono tutti molto calati nel nostro lavoro. Credo che le loro risposte sono state professionali e legati al lavoro che si sta facendo. Ci aspetta una partita complicata, bisognerà cambiare spartito e quindi proveremo a sfruttare le caratteristiche di ognuno. In difesa Bani e Denswil ci sono, poi avremo nei prossimi giorni anche Danilo”.

Per De Leo: l’assetto con Soriano in mediana e 4 punte è ripetibile dal primo minuto?
“È chiaro che lo possiamo usare quando dobbiamo recuperare ma è importante un concetto: noi non abbiamo preclusioni nello giocare con tanti giocatori offensivi ma dobbiamo avere umiltà ed equilibrio tattico. Saremmo fin troppo spavaldi e sprovveduti”.

Per De Leo: percepite l’euforia dei tifosi per questo avvio di stagione?
“Siamo felici e siamo orgogliosi di questa empatia con il pubblico. La classifica può darci quella spinta in termini di leggerezza nell’affrontare la prossima partita. Sapere di poter vincere per la prima volta nel club 9 partite di fila in casa ci dà grande motivazione”.

Per De Leo: che avversario è la Roma?
“È una squadra di grandi qualità, hanno un allenatore di stampo internazionale, hanno voglia di dominare la partita e non hanno paura di difendere in spazi ampi. Come ha detto Mihajlovic in settimana, dovremo difendere bene ed essere resilienti, saper soffrire ed essere compatti. Stiamo mettendo in mostra qualità offensive e puntiamo a fare una grande partita”.

Per De Leo: ci sarà spazio per Skov Olsen la prossima settimana?
“Dirlo con certezza e prometterlo non mi va perché non fa parte della nostra mentalità. Di gara in gara mettiamo la formazione che secondo noi ci dà più garanzie. Inevitabilmente ci saranno delle alternanze ma non sono programmate”.

Per Tanjga: avete la curiosità di vedere la squadra contro team di livello più alto rispetto a quelle affrontate finora?
“Tutte le squadre di A sono di buon livello, anche quelle che abbiamo affrontato. Non abbiamo paura nello sfidare la Roma, siamo convinti del nostro livello di gioco. Abbiamo possibilità di vincere anche grazie all’apporto del pubblico”.

Stessa domanda per De Leo.
“È un test probante e impegnativo per noi. Possiamo dimostrare a quale livello siamo arrivati. È però più importante concentrarci sui nostri principi, su cosa dobbiamo migliorare e su cosa dobbiamo lavorare per diventare una squadra importante. Siamo molto fiduciosi”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News