Resta in contatto

Rassegna Stampa

La giostra del gol. Bologna-Roma: schemi, idee, reti e sguardi verticali

La Roma ha segnato 12 reti in 4 partite, il Bologna 6 in 3

Un po’ è merito della Roma, molto lo è del Bologna. Nel senso che se dal gioco di Fonseca di gol ne aspettano sempre tanti, le 6 reti in tre gare del Bologna sono forse inattese. Ed invece la bella classifica della squadra di Mihajlovic prende spunto anche da questo, dalle tante soluzioni offensive che Sinisa ha al suo arco. Forse non così tante come la Roma, di certo a sufficienza per poter mettere paura ai giallorossi. Il Bologna viene da 8 vittorie interne consecutive e da quando c’è Mihajlovic (29 gennaio) ha segnato 38 gol in 20 partite, quasi due di media a gara. Numeri importanti, nonostante tra i rossoblu non ci sia un centravanti di fatto: finora lì ci hanno giocato Palacio (falso nove) e Destro, in vantaggio per oggi.

Nella Roma, invece, il centravanti c’è e per Fonseca è fondamentale. Dzeko non è solo il terminale della manovra offensiva, ma anche il regista aggiunto. E quando si abbassa, crea spazio per gli inserimenti da dietro. Insomma, la Roma senza Dzeko è difficilmente immaginabile (in attesa che Kalinic cresca di condizione), anche se poi Fonseca ha davvero tante soluzioni offensive. E non è un caso che dei 12 gol segnati in 4 partite ben 8 siano arrivati da attaccanti: Dzeko (3), Kluivert (2), Under, Zaniolo e Mkhitaryan. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa