Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini, il bello che balla mette il piede nelle due reti

Certo che Totti era altro, ma Pellegrini è tanta roba comunque

Lo si capisce anche nel pomeriggio in cui non disputa la sua migliore partita per continuità, ma entra nelle due reti della vittoria. Lorenzo, dopo i tre assist con il Sassuolo (più quello di ieri sono quattro in due partite) è stato paragonato a chiunque. Totti, come detto, ma pure Giannini. I due ultimi grandi capitani e numeri 10 della Roma, ecco perché è venuto facile stampare idealmente quel numero sulla maglia di Pellegrini, che magari tiene alla sua 7 e quella vorrà mantenere. Pellegrini non è né Totti, né Giannini, ma di tutti e due è un po’, che già basta.

Di Francesco ha preso la capacità (ancora non esplosa del tutto) di vedere il gioco in verticale, la girata secca verso il compagno lanciato a rete; di Peppe ha la semplicità, l’eleganza e qualche boccone di leadership. I gol ancora non arrivano. Però ci prova, Lorenzo è quello che contro il Bologna ha tirato in porta più di tutti. Pellegrini per innescare il processo verso il gol si batte per tirare le punizioni. Ecco, qui ancora non ci siamo. Arriverà, forse, anche quel momento. Per adesso deve accontentarsi di litigare con Kolarov. Lo scrive Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa