Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca padrone della Roma

Attraverso il dialogo coi calciatori sono nati i primi correttivi

E’ finito il tempo dei mal di pancia, dietro la regia silenziosa di Petrachi, dietro le lezioni rumorose di Fonseca, sta nascendo un gruppo coeso e ambizioso. in sole 4 giornate la Roma ha raggiunto la velocità di crociera necessaria per centrare l’obiettivo dichiarato: entrare in Champions. Da quattro anni che i giallorossi non cominciavano così forte in campionato e i risultati deludenti delle prime due partite non sono casuali.

C’entrano i rinforzi Mkhitaryan, Veretout e aspettando Smalling,che hanno migliorato la qualità e la sostanza consentendo a Pellegrini di giocare da trequartista. Non è ancora tutto perfetto come la partita di Bologna ha dimostrato: Pau Lopez ha salvato il risultato e Dzeko gli ha dedicato la vittoria. Fonseca era molto preoccupato dopo il derby e ha capito in quel momento che alcuni dettami tattici non erano adatti al momento alla squadra.

Attraverso il dialogo coi calciatori sono nati i primi correttivi. Il primo è stato bloccare uno dei due terzini e di conseguenza anche il movimento dei trequartisti è cambiato. Adesso le ali puntano più il fondo, senza per forza cercare la densità centrale. Il fatto che Fonseca sta insistendo molto su Kluivert è perché in organico non esistono altri giocatori veloci capaci di attaccare la profonditò, per questo Under, al suo ritorno, sarà difficile da mettere fuori.

C’è un altro fattore da considerare: i giocatori sono tutti contenti. Dopo 90 minuti e passa giocati in questa stagione Pastore correva con un gran sorriso sotto il settore ospiti, Jesus ha saputo difendere e lanciare Veretout per la cavalcata sul gol della vittoria, Zaniolo, che non si aspettava di rimanere ancora fuori, ha esultato come un pazzo. Lo scrive oggi il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa