Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout, ecco l’uomo della fuga per la vittoria

Le parole del centrocampista giallorosso: “Ho preso palla e sono andato”

Quella che Veretout non racconta a Roma Radio: “Ho preso palla e sono andato” è che ha resistito ad un intervento in scivolata e dribblato un paio di avversari, prima di servire Pellegrini per il gol di Dzeko.

Due anni fa si è presentato alla Fiorentina e Antognoni lo ha descritto come centrocampista moderno. In effetti sa fare tutto: regista, interditore,mezzala, addirittura trequartista. Gli si addice anche l’aggettivo “dinamico“. In fase difensiva ha conquistato 9 palloni e ha vinto 3 contrasti a cui vanno aggiunti 11km di corsa.

Dal suo ingresso la Roma ha trovato maggior equilibrio e anche la difesa appare più tranquilla. Ora ricopre il ruolo da regista in alternanza con Cristante. Lo scrive oggi Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa