Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Parla Cappioli: “La sorpresa del campionato? Spero possa essere proprio la Roma” (AUDIO)

Parla l’ex centrocampista giallorosso: “Ogni volta che sono in Italia, vado a vedere la Roma”

“Sarò allo stadio stasera, nella tribuna dedicata agli ex romanisti. Seguo tutte le mie squadre, ma nel cuore sono romanista fracico (ride, ndr). Avevo due sogni nella vita: fare gol al derby e vivere su un’isola. Li ho realizzati entrambi, e questo mi rende felice”. Doppio ex di Roma-Atalanta, ai microfoni di “Rete Sport” è intervenuto Massimiliano Cappioli.
Queste le parole del centrocampista che con la maglia giallorossa ha messo insieme 90 presenze e 15 gol:

“Sarà una partita difficile per entrambe, l’Atalanta ha fatto un buon campionato lo scorso anno e anche se non sarà facile ripetersi ha un allenatore che la fa giocare bene. Però c’è anche una Roma in forma, soprattutto in avanti visto che in difesa non si va ancora molto bene. La possibile difesa a tre? Non saprei, il reparto non è piaciuto molto fin qui e la speranza è di poter migliorare.

Pellegrini? Sta facendo bene, però non lo vedo nella posizione di trequartista. Per me deve giocare nei due centrali di centrocampo, ma sicuramente è un giocatore valido. Sta facendo la differenza sugli assist in questo inizio di campionato, ora mi aspetto qualche gol in più. Zaniolo? Deve migliorare sul nervosismo che mette in campo, ma ha grande forza e mi è piaciuto molto fin qui nel ruolo di esterno a destra. Sono molto contento invece che alla fine sia rimasto Dzeko, è come se fosse un nuovo acquisto per la Roma. Non fosse rimasto lui, la squadra si sarebbe ritrovata senza centravanti.

Come ogni anno, ci aspettiamo una sorpresa dal campionato appena iniziato e io spero possa essere proprio la Roma. Ci sono tanti giocatori bravi, veloci e giovani potenzialmente forti. Devono solo migliorare tatticamente. Una volta sistemata la fase difensiva, la squadra potrà esprimersi come l’ha immaginata Fonseca. Inoltre mancano ancora i gol di difensori e centrocampisti, a parte Kolarov. Le partite importanti, i risultati, si portano a casa grazie al contributo realizzativo soprattutto degli altri reparti.

De Rossi all’Olimpico con la maglia dell’Italia? Mi piacerebbe. Daniele è stato uno dei centrocampisti più forti e intelligenti del calcio mondiale. Ora alla Roma manca uno come lui. Ovvio che non sono stato d’accordo con il suo mancato rinnovo, ma è anche vero che arrivati ad una certa età poi le società non guardano più in faccia nessuno. Sono sicuro che in futuro sarà un grandissimo allenatore”.

QUI L’AUDIO DELL’INTERVISTA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News