Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Vietato frenare. Fonseca, assalto all’Atalanta: «Roma, ora non accontentarti»

Panchina Fiorentina

No all’euforia, sì all’elasticità mentale

Il manifesto di Paulo Fonseca l’italiano non fa una piega e, a poche ore dalla sfida da Champions di stasera con l’Atalanta di Gasperini, riporta la Roma coi piedi per terra dopo le tre vittorie di fila in 10 giorni. Il portoghese vuole sfatare il tabù bergamasco visto che i giallorossi non sconfiggono i nerazzurri all’Olimpico da 5 stagioni.

«È una partita molto difficile, contro un avversario molto forte, che lotta, aggredisce e che davanti ha giocatori importanti. Sarà una partita fatta di duelli fisici. Non credo che Gasperini mi chiederà cosa si è perso a Roma, ma è un ottimo allenatore e non sarà una sfida tra noi due. Entusiasmo? So perfettamente che quando si va bene si generano aspettative ed euforia. Mi piace la positività, ma sono totalmente contro ad un clima di euforia che va bene solo alla fine del campionato o quando vinci una finale di coppa. Dobbiamo restare con i piedi ben saldi per terra». Un messaggio chiaro, a tutti. Fonseca poi ammette: «Mi sono italianizzato, è vero, si può dire questo. Questo è un calcio che ti obbliga ad essere elastici e malleabili e chi non lo capisce e decide di affrontarlo sempre nello stesso modo sbaglia». Lo scrive oggi Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa