Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, brutto passo indietro

La Roma perde la sua prima partita stagionale in casa contro l’Atalanta. Ko di Fonseca, non ancora in possesso di alcuni dettami del calcio italiano

La prima sconfitta stagionale fa chiarezza sulla Roma. Che, messa alle corde dall’inizio del match, è finita ko contro l’Atalanta (0-2) nello scontro diretto per il quarto posto. Gasperini vince la sfida con Fonseca e indirettamente spiega al collega come mai è rimasto a Bergamo, rinunciando a trasferirsi nella Capitale. La sua squadra, ora terza (sorpassato pure il Napoli), è collaudata. Organizzata in campo e abbondante nella rosa. Tattica e qualità insomma. I giallorossi, invece, sono ancora in rodaggio. Il lavoro a Trigoria è appena cominciato.

A Fonseca piace più alla portoghese che all’italiana. E, ammettendo a fine gara ammette che la Roma non ha mai visto il pallone, conferma il suo harakiri. È andato contromano, cioè ha rinnegato il suo stile propositivo. Sparito il coraggio, rimane la paura. Tant’è vero che per la prima volta, in sei partite, rimane a digiuno: niente gol e nemmeno punti. In partenza il 4-2-3-1. Ma più prudente del solito. Si capisce dagli interpreti chiamati in causa e da quelli esclusi: entrano, dopo il successo di Bologna, il debuttante Smalling, Spinazzola e Zaniolo, fuori lo squalificato Mancini, Kluivert e Mkhitaryan. Florenzi, con Spinazzola terzino alle sue spalle, fa l’esterno alto a destra, Zaniolo va a sinistra. Non gli basta e, dopo dieci minuti, interviene direttamente sul sistema di gioco. Difesa a tre: Fazio, Smalling e Kolarov. In più Florenzi si abbassa a destra e Spinazzola, passato a sinistra, allunga la linea arretrata. La modifica, provata alla vigilia, è su misura per l’Atalanta, qui con il 3-4-2-1. E la usò pure in Champions, dieci mesi fa (27 novembre 2018), per vincere con lo Shakhtar Donetsk in casa dell’Hoffenheim (2-3). Lo riporta Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa