Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Bivio Fonseca: italianizzarsi senza tradire le proprie idee

La difesa a 3 ha lasciato perplessità

Non cambierò il mio modo di giocare per adattarmi all’avversario“, la partita contro l’Atalanta è stato un risveglio brusco anche per coloro che avevano notato gli accorgimenti che Fonseca metteva in atto per tonificare una difesa sempre sotto scacco. Niente più pressing offensivo asfissiante, niente baricentro esasperatamente alto, niente Pellegrini in mediana.

Difficile crocifiggere un tecnico che dopo il faticoso pari con la Lazio ammise sincero: “Le squadre che difendono a tre ci creano dei problemi“. La difesa a 3 improvvisata domenica dopo appena un quarto d’ora, sembra aver lasciato perplessità non solo ai tifosi ma anche ai singoli giocatori. Il segreto per Fonseca è crescere senza tagliare il cordone ombelicale che lo lega all’estetica delle sue idee, quelle che hanno fatto innamorare la Roma, senza dover diventare risultatista o erede di Zeman. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa