Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Liverani: “Con la Roma va bene anche un punto. Pellegrini calciatore universale”

Le parole dell’allenatore dei pugliesi

Fabio Liverani, allenatore del Lecce, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport:

Quanto fanno paura i prossimi impegni contro Roma, Atalanta, Milan e Juventus?
“Sulla carta sono avversari inavvicinabili per il Lecce. Ma questo avvio ci dà coraggio, le vittorie fanno aumentare la consapevolezza nei giocatori. Rispettiamo tutti, però ce la giochiamo senza ansia, tentando di essere spensierati nel proporre il nostro gioco”.

Domenica contro la Roma le andrebbe bene un punto?
“Contro una grande squadra, ovviamente sarebbe ben accetto. Meglio se fosse il frutto di una prestazione positiva”.

Liverani, tifoso romanista, si emozionerà nell’incrociare la squadra del cuore?
“No. Provai sensazioni speciali quando affrontai la Roma da calciatore della Lazio, dove sono stato anche capitano, dimostrando per 5 anni il mio attaccamento alla maglia. Mi emozionerò di più quando rivedrò Lazio e Fiorentina, i club nei quali ho giocato”.

Quali novità ha portato Fonseca?
“Mentalità offensiva, comando della partita, conquista della metà campo avversaria. Fonseca ha saputo trattenere Dzeko. Mi piace la sua Roma, anche se avrà bisogno di tempo. Non è pronta per la lotta per lo scudetto, un affare ristretto a Juventus, ancora superiore a tutte, Inter e Napoli”.

Da tifoso, chi considerava il simbolo della Roma?
“Falcao”.

Ora chi incarna lo spirito della Roma?
“Lorenzo Pellegrini. Stravedo per lui, da quando giocava nella Primavera: lo ammirai nella fase finale dello scudetto Primavera contro la Lazio. È universale, può fare tutto. Sarà protagonista anche in Nazionale per tanti anni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa