Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La responsabilità oggettiva dietro la mossa della società

Ad ottobre sarà approvato il nuovo Codice di Giustizia Sportiva

Scriminanti o attenuanti. Queste le due parole fondamentali contenute nel nuovo articolo 7 del nuovo Codice di Giustizia Sportiva che sarà approvato il prossimo primo ottobre. Di fatto cambierà la vecchia concezione della responsabilità oggettiva, resterà solo la responsabilità dei club che dovranno mettere in atto (coi fatti, non più solo con le parole) misure contro la violenza, il razzismo e la discriminazione di qualsiasi genere.

Ogni società dovrà avere il suo modello di gestione, modello che poi dovrà essere autorizzato dalla Federcalcio. Una svolta fondamentale che di fatto libera tutte le società del giogo della responsabilità oggettiva che fino ad ora le ha rese prigioniere dei ricatti degli ultras. D’ora in avanti, i vari club, mettendo in atto una serie di comportamenti, potranno finalmente evitare eventuali multe o, peggio, chiusure di settori o dell’intero stadio. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa