Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Edin bomber e uomo squadra. L’ideale per il calcio di Fonseca

Dzeko è bomber, uomo squadra e pian piano sta diventando tutto

Trotterella in campo, boccheggia per il caldo, ogni tanto sbaglia un appoggio, ma alla fine salta in cielo e colpisce. Il cinismo non è la sua arte perché la sua arte è il tocco, il cambio di gioco, la sponda. Non ha vita facile perché ogni partita gli cambiano partner, mentre alla sue spalle trova continuità Pellegrini. Alla fine cambia poco, lui è lì per fare il suo solito gioco. 

A Lecce ha provato a mandare in porta Mkhitaryan e poi il gol lo ha segnato lui, il 92esimo in 186 partite con la Roma. Le parole di Fonseca:

Stiamo trovando l’equilibrio di squadra. Sono contento perché non abbiamo vinto senza prendere gol. E’ sempre difficile ottenere i tre punti fuori casa. Primo tempo così e così? Ci è mancata velocità nella circolazione della palla. Con Veretout e Diawara abbiamo difeso troppo bassi, non era semplice trovare varchi contro una squadra come il Lecce. Era importante attrarre l’avversario da una parte e cambiare subito, nel primo tempo non lo abbiamo fatto. Negli ultimi trenta metri ci è mancato l’ultimo passaggio, abbiamo sbagliato molte scelte sotto porta. Nella ripresa meglio, è salito il ritmo e la quadra ha creato di più. Come detto, potevamo segnare ancora. Ma sono soddisfatto“.

Piccola chiosa: “Zeman? Non conosco a fondo il suo gioco, posso dire che questa è la Roma di Fonseca“. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa