Resta in contatto

Rassegna Stampa

La rivolta di donne e ministro. Petrachi, le scuse dopo la gaffe

Il day after non poteva che essere quello delle riflessioni

La domenica appena trascorsa, caratterizzata dalle accuse via social di Pallotta e da quelle di Petrachi non potevano passare inosservate. E in ottica Roma, non lo passeranno. Anche il duro sfogo di Fonseca (al quale va reso merito di essersi scusato a fine gara per il duro vis a vis con Massa) è finito nel referto dell’arbitro di Imperia.

Il portoghese rischia un paio di giornate di squalifica. Peggio andrà certamente al collaboratore Romano (già multato dal club che ha invece risparmiato il tecnico): stop almeno di un paio di mesi. Spera invece di cavarsela (evitando il deferimento) il direttore sportivo. A Trigoria confidano sul fatto che le esternazioni più dure il dirigente le ha effettuate a voce in mix zone e non davanti alle tv nazionali. L’ultima parola, però, spetta al Giudice Sportivo.

Per Petrachi, tra l’altro, non finisce qui. Perché le dichiarazioni relative al calcio – «un gioco maschio, non per signorine. Altrimenti ci mettiamo il tubino e andiamo a fare danza classica» – hanno provocato molte reazioni. Anche a livello politico con la ferma presa di posizione del Ministro dello Sport, Spadafora: «Sono parole che manifestano un’arretratezza culturale di cui non avevamo bisogno».

Durissima anche il ct della nazionale femminile Bertolini: «È un modo di pensare un po’ primitivo e la società nel frattempo si è evoluta. La frase‘”Il calcio non è uno sport per signorine” l’ha pronunciata 110 anni fa Guido Ara. Credo che dovremmo andare avanti e progredire».

Dello stesso avviso Sara Gama, capitano delle azzurre: «Dichiarazioni ampiamente infelici in un tempo ampiamente sbagliato. Il linguaggio plasma la realtà, anche se magari queste parole non corrispondono a quello che lui pensa. Purtroppo è la dimostrazione che per il cambio culturale serve tempo».

In soccorso del ds è arrivata soltanto Carolina Morace: «È una cosa che direi anche io se le mie calciatrici giocassero in punta di piedi, non la trovo una cosa offensiva».

Infastidito invece il presidente Pallotta che proprio sul calcio femminile ha investito molto. Nella serata di ieri, alla luce del caos mediatico, Petrachi ha fatto un passo indietro: «Mi scuso se qualcuno si è sentito offeso dalle mie parole. Non era affatto mia intenzione insinuare che il calcio sia uno sport solo per uomini e non adatto alle donne. Ero molto arrabbiato -ha spiegato all’Ansa – perché non era stato convalidato un gol che ritenevo regolare e volevo sottolineare quanto il calcio sia – ed è sempre stato – uno sport fisico e di contatto. Il calcio è di tutti e alla Roma siamo molto orgogliosi della nostra squadra femminile e di promuovere il calcio femminile». Lo riporta Il Messaggero. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa