Resta in contatto

News

Uva (vice pres. UEFA): “Revocare la finale a Istanbul? Non siamo nelle condizioni di poterne parlare”

Il numero due della Uefa in merito al comportamento dei giocatori turchi: “Valuteremo le situazioni con il comitato esecutivo, difficile pensare a sanzioni di questo livello”

Il vicepresidente della UEFA Michele Uva, ha parlato ai microfoni di Radio Anch’io lo Sport alle porte del match ad alta tensione tra Francia e Turchia, dopo il gesto militare dei calciatori a sostegno di Erdogan. Queste le sue dichiarazioni:

“C’è una separazione netta fra aspetti sportivi e politici. È chiaro che il comportamento dei tesserati durante le partite abbia delle regole ben precise, che devono essere rispettate. Io non sono l’organo giudicante, non posso dire nulla di più”.

È possibile che la UEFA decida per la revoca della finale di Istanbul?
“Revocare una finale è un atto forte, dal punto di vista sportivo. Penso che non siamo ancora nelle condizioni di poterne parlare e discutere. È chiaro che valuteremo insieme le situazioni con il comitato esecutivo, ma è difficile pensare a sanzioni di questo livello. Il nostro regolamento vieta alcun segno distintivo, soprattutto pensando a paesi in guerra, con grossi problemi a popolazioni. La UEFA ingloba Armenia e Azerbaigian, Russia e Ucraina. Se un tesserato si comporta in un determinato modo poi va incontro a dei problemi”.

Le sanzioni riguarderebbero giocatori o squadra?
“Dipende molto dal referto, non solo del delegato UEFA ma anche dell’arbitro, poi dalle fotografie e dai video. Quella della federazione è responsabilità oggettiva, è evidente”.

Cosa cambierà nella prossima Nations League?
“La prima edizione è stato uno straordinario successo, visti ascolti e interessi dei media. Non avrà più gironi da 3 squadre, ma 4: non ci saranno più le amichevoli. La FIFA ha deciso che ci sarà competizione in tutte le gare, a parte nel mese di marzo. Maggiore competitività ed equilibrio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News