Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma senza respiro. Fonseca: «Siamo in emergenza ma non ci accontenteremo»

Il tecnico portoghese carica i suoi alla vigilia della sfida di Udine

«Nessuno si riposi, e soprattutto nessuno si accontenti». Il diktat di Fonseca alla squadra dopo la bella vittoria col Milan è chiaro. Stasera a Udine, la Roma cerca la seconda vittoria consecutiva per provare a superare il Napoli impegnato con l’Atalanta. Ma soprattutto per dare continuità a un difficile processo di crescita che deve fare i conti ancora con 7 infortunati.

Più che sulle gambe, però, Fonseca insiste sulla testa: «Il campionato italiano è molto difficile, tutte le squadra hanno qualità e abbiamo già visto come le ultime possano anche battere le prime. Bisogna giocare sempre al massimo, ogni partita ha una storia a sé. Vincere una partita con il Milan per noi deve essere una cosa normale, sbaglieremmo a pensare che abbiamo fatto qualcosa di particolare. Dobbiamo essere una squadra ambiziosa, chi gioca nella Roma deve esserlo. Con la Samp questa voglia non l’ho vista e l’ho detto ai ragazzi. Bisogna correre e lottare sempre».

Quello che è accaduto domenica col Milan: «I ragazzi hanno fatto bene e sinceramente con l’Udinese cambierà poche cose». Ancora spazio a Mancini e Pastore, davanti ballottaggio Kluivert-Perotti mentre potrebbe rivedersi Florenzi che a Trigoria sta diventando un caso e che si gioca di nuovo il posto con Spinazzola. «Alessandro è il nostro capitano e si allena sempre bene. Con il Borussia e il Milan ho pensato a soluzioni diverse, ma presto tornerà a giocare. Non è un problema», spiega Fonseca.
Lo riporta “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa