Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, la Roma più bella: «Gruppo di grandi valori». Pastore: «Sono rinato»

Le parole dei protagonisti dopo la bella vittoria sul Napoli

Ci è voluta la migliore Roma della gestione Fonseca per battere 2-1 il Napoli in uno scontro diretto per la Champions League e conquistare, per una notte e in attesa della gara di oggi dell’Atalanta con il Cagliari, il terzo posto in classifica: non le succedeva dal 20 maggio 2018.

Quella di ieri è la terza vittoria consecutiva in campionato in otto giorni, dopo quelle contro Milan e Udinese. «In questo momento difficile, in cui abbiamo avuto tanti infortunati, i giocatori hanno capito che dobbiamo lottare e correre più che mai: per me la cosa più importante è l’atteggiamento della squadra», ha detto Fonseca.

In una grande prestazione di squadra, spicca il lavoro dei singoli: Zaniolo, Dzeko, Mancini.Poi c’è Pastore, che si è fatto apprezzare non solo nella fase offensiva, ma anche in quella difensiva: ha recuperato 11 palloni, e in carriera gli era capitato solo una volta di fare meglio (15 in un Fiorentina- Palermo del 2010).

Uno sforzo premiato dai tifosi, che lo hanno applaudito a lungo quando, nel finale, è stato sostituito. «Per me è molto importante stare bene fisicamente, posso fare sforzi che non riuscivo a fare prima». Lo riporta il quotidiano Corriere della Sera. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa