Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca lancia la Roma: “Prendiamoci l’Europa”

Il tecnico giallorosso carica i suoi: “Giochiamo per vincerla”

La prossima tappa europea per la Roma è stasera a Monchengladbach, contro il Borussia sorprendente capolista della Bundesliga, che però all’andata all’Olimpico era uscita con un punto soltanto grazie alla clamorosa svista dell’arbitro Collum. “Ma è tutto passato, non dobbiamo pensarci più. In ogni caso, sarà una partita diversa“, dice Fonseca con fair play. Chi trova invece carburante dal passato è Dzeko, assestatosi a 192 partite in maglia giallorossa con 93 gol segnati. La caccia a quota 100 è aperta, ma non certo per essere pensionato. Anzi, tra i ricordi belli vissuti contro in Bundesliga ai tempi del Wolfsburg, ci sono anche 3 gol segnati al Borussia in 5 partite.

“Scegliendo di giocare senza la maschera, ha dato un segnale che sta bene, che è al cento per cento“, dice il tecnico. Non è un caso, forse, che sui social il centravanti abbia scritto: “Un gol, il prossimo. Non penso ad altro“. Chi invece deve pensare anche ad altro, è l’allenatore. “Chi lavora alla Roma deve sempre pensare di vincere. Noi, infatti, giochiamo l’Europa League per vincerla, anche se stavolta affronteremo una grande. La partita sarà più decisiva per loro, ma il nostro obiettivo è il successo“. Pensando agli infortunati, se si vivesse nel migliore dei mondi possibili Fonseca sarebbe pronto ad un grande gesto, pur di giocare meno: “Sarei disposto a tagliarmi lo stipendio per giocare meno partite. Sarei pronto a tutto, anche a perdere del denaro per avere uno spettacolo migliore“.
Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa