Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sportweek Talk, Candela: “Roma mi ha dato tanto, ancora oggi provo a dare qualcosa ai tifosi”

Bavagnoli: “I mondiali femminili hanno dato il via a un grande cambiamento”

Alle 18:30, alla Rinascente di Via del Tritone, inizierà l’evento “Sportweek Talk: lo sport visto dai protagonisti”. Presenti per l’occasione Vincent Candela, Elisabetta Bavagnoli e Rosalia Pipitone.

18:45 è iniziato l’evento. Cominciano le domande per i protagonisti. Di seguito, le loro dichiarazioni:

Domanda per Candela: il rapporto con Roma?
“Mi ha dato tanto, arrivavo dalla Francia ed ero giovane, sono cresciuto come giocatore, uomo e papà. Sono qui da 23 anni, ho vissuto più qui che in Francia. Ringrazio sempre la città e la società, c’è stato sempre un grande feeling con la gente, con il pubblico. Le mie quattro figlie sono nate a Roma, tifo Roma e mia moglie è di qui. Roma mi ha dato tanto e io ancora oggi provo a dare qualcosa ai tifosi che incontro e alla società. Il calcio è stata la mia passione più grande, avevo tanta voglia di giocare, ridere e creare gruppo, è il segreto per vincere”.

Domanda per Candela: la pressione dei tifosi rende più difficile vincere qui?
“Non penso, la pressione c’è ovunque e a tutti i livelli. La pressione ti fa sentire importante, è una questione di gruppo e di società”.

Domanda per Candela: che partita ti aspetti stasera?
“Una gara importante, non fondamentale, perché la Roma è prima nel suo girone, un pareggio o una sconfitta non sarebbe così grave. Il mister sta facendo un grande lavoro. Mi aspetto una bella Roma, il gioco del mister è piacevole da vedere”.

Domanda per Pipitone: come fa una bambina a voler diventare portiere?
“Io sono nata attaccante, durante una partita si fece male il portiere della mia squadra e io, essendo la più alta, e feci due belle parate. Da lì in avanti ho giocato come portiere”.

Domanda per Candela: ti è mai capitato di giocare come portiere?
“No, però anche io ho cominciato come portiere, poi piano piano mi hanno fatto scalare in difesa”.

Domanda per Bavagnoli: un giudizio sul lavoro di Fonseca?
“Sono rimasta colpita dalla filosofia, il senso d’identità che il mister ha portato alla squadra. Non dimentichiamo che la Roma ha avuto a che fare con diversi infortuni. Ha avuto bisogno di tempo, ma ora si vedono i frutti di un grandissimo lavoro, non solo in campo, ma anche al livello di mentalità”.

Domanda per Bavagnoli: hai ricevuto il premio per la panchina d’oro.
“Ho già dichiarato che il 50% del premio va ai miei collaboratori, sono fondamentali per il mio lavoro”.

Domanda per Candela: un giudizio sugli allenatori che hai avuto?
“Ne ho avuti tanti, il mio preferito resta Capello, sapeva gestire i grandi campioni. Mi lasciava fare tutto, aveva molta fiducia in me e io avrei dato tutto per lui in campo”.

Domanda per Elisabetta Bavagnoli: sorpresa dall’affetto dei tifosi verso la tua squadra?
“I mondiali femminili quest’estate hanno dato il via ad un grande cambiamento a tutto il cambiamento. Sono sulla panchina della Roma da un anno e mezzo e prima confidavo, a chi ci ospita questa sera, che la passione e la geninuità dei nostri tifosi è incredibile. Sarò sempre grata alla Roma per avermi dato la possibilità di sedere sulla panchina della squadra femminile. Ogni volta che entro al Tre Fontane e inizia l’inno della Roma è un’emozione incredibile, non sono romana ma provo grande emozioni. Faremo di tutto per poter dare sempre maggiori soddisfazioni a questi tifosi”.

Domanda per Rosalia Pipitone: la passione dei tifosi della Roma è qualcosa di diverso rispetto a quello che percepite in altri stadi?
“Il calore che dà il popolo giallorosso è difficile da trovare da altre parti. Io sono a Roma da 9 anni, giocavo prima nella squadra che poi è diventata AS Roma finalmente. Ho sempre conosciuto e vissuto il tifo giallorosso, è una marcia in più che poche altre squadre hanno. Da giocatrice, sentire il supporto dei tifosi è una delle cose più belle”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News