Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Scusate il ritardo… Diawara ora è pronto

L’ex giocatore del Napoli è tornato subito a disposizione: prezioso rinforzo per Fonseca

Ultimo sforzo prima della sosta per le Nazionali. Domani la Roma concluderà un ciclo pesantissimo di sette partite in venti giorni. Con trasferte lunghe e faticose. Sempre domani, a Parma, sarà anche il giorno in cui Fonseca avrà probabilmente maturato in modo definitivo la consapevolezza di essersi messo alle spalle il momento più duro. Al Tardini, il portoghese potrà sfruttare forze ed energie fresche, con il ritorno dopo la sosta anche di Mkhitaryan. Contro la squadra di D’Aversa, Fonseca potrebbe rilanciare dal primo minuto Diawara in mediana e capire se dare una nuova chance a Florenzi o meno.

L’ex Shakthar ha fatto intendere di non vedere il capitano giallorosso come terzino. E allora? Se Florenzi dovesse trovare spazio sarà davanti, alto a sinistra con l’inserimento a destra di Spinazzola, tornato a disposizione dopo la trasferta in terra tedesca. Diawara ha rimesso piede in campo contro il Borussia M’Gladbach, dando il cambio a un Mancini apparso in difficoltà per la prima volta a centrocampo. Il guineano non può avere ritmo, dinamismo e forza nella gambe, ma con lui Fonseca ritrova un uomo che può dare respiro anche a Veretout, sempre impiegato. Con l’inserimento dell’ex Napoli, il centrale toscano potrebbe tornare al fianco di Smalling, visto il rendimento incerto di Fazio.
Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa