Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca benedice la sosta. Smalling: “Meglio giocare”

Il tecnico portoghese: “Non avevamo la possibilità di cambiare e abbiamo pagato questo

Una voce fuori dal coro quella di Smalling che ha espresso la sua voglia di non fermarsi. Prevale la mentalità anglosassone: giocare sempre e comunque. “Quando si perde si vuole scendere in campo subito, per provare a riscattare la sconfitta. Non poter giocare aumenterà la frustrazione. E’ stato un mese lungo e difficile, ma prima di queste due partite anche positivo. Abbiamo perso nel nostro momento migliore, c’è un po’ di frustrazione anche per aver perso posizioni in classifica“, le sue parole.

Anche a Parma l’inglese si è distinto come il solito leader, quello che Petrachi e Fonseca vogliono incatenare a Trigoria. Strapparlo al Manchester, però, non è scontato ed è chiaro che prima si fa la trattativa e più il costo resta accettabile. Fonseca, invece, esprime il suo buonumore per la sosta: “Penso sia chiaro che la squadra fosse stanca in questo momento. Abbiamo disputato tante partite e non è una questione di atteggiamento. Non siamo più veloci ed è un fatto che non abbiamo fatto una prestazione per vincere. La sosta arriva al momento giusto: abbiamo giocato sempre con gli stessi calciatori e non avevamo la possibilità di cambiare. Quindi, abbiamo pagato tutto questo“. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa