Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Swaby: “Dobbiamo continuare ad applicare quanto facciamo in allenamento”

Le parole dela calciatrice giallorossa

La calciatrice della Roma Femminile, Allyson Swaby, ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali del club durante la rubrica Women’s Weekly. Questa un’anticipazione delle sue parole:

La sfida contro la Florentia?
“Mi aspetto una partita simile alle precedenti, se scendiamo in campo e attacchiamo come abbiamo dimostrato di saper fare, credo che riusciremo a fare la nostra partita. Dobbiamo continuare ad applicare quanto facciamo in allenamento e restare concentrate”.

La rosa della Roma?
“È molto importante recuperare quando si giocano così tante partite in un arco di tempo così breve. Essere una squadra profonda come lo siamo noi tornerà sicuramente utile, chi ne avrà bisogno potrà riposare e saremo sempre in grado di proporre undici giocatrici sempre fresche e in forma. Il duro allenamento e la rotazione degli effettivi saranno due aspetti fondamentali per noi”.

Un bilancio della stagione fino ad ora?
“Ci troviamo in un’ottima posizione in questo momento della stagione. Il nostro obiettivo è quello di vincere il campionato. Il terzo posto deve essere uno stimolo per puntare alla vetta. Dobbiamo ancora giocare molte partite. La sconfitta contro il Milan è stata importante perché ci ha aperto gli occhi e abbiamo capito di avere le capacità per fare risultato contro queste squadre. Dobbiamo in ogni occasione scendere in campo e dare il massimo”.

Come superate la stanchezza?
“Penso che in queste partite siamo riuscite a rimanere unite, perché ci siamo allenate con molta intensità. Quello che affrontiamo in partita l’abbiamo già provato in allenamento. Replicare l’intensità delle partite durante gli allenamenti ci ha aiutato a farci trovare sempre pronte, indipendentemente dall’avversario. Così siamo in grado di andare oltre la stanchezza e la sofferenza”.

Le ultime arrivate in casa giallorossa?
“Tutte le giocatrici straniere si sono ambientate molto bene e hanno avuto un impatto importante. Il gruppo è molto coeso quest’anno, abbiamo tutte lo stesso obiettivo. Nessuna gioca per sé stessa, giochiamo tutte per la squadra. Le ragazze nuove hanno portato un atteggiamento positivo nello spogliatoio, hanno innalzato il livello degli allenamenti e quello delle partite. In generale, ci hanno migliorato”.

Miglioramenti?
“Penso di essere migliorata moltissimo, in particolare dal punto di vista tecnico e tattico. Riesco a vedere il gioco in maniera più approfondita e meno impulsiva, la tattica è molto importante. Sto crescendo molto mentalmente e anche tecnicamente. Ci concentriamo molto sui fondamentali quindi sono felice di essere cresciuta mentalmente e fisicamente qui alla Roma”.

La città?
“La cosa che mi piace di più qui a Roma è il cibo. Mangio spesso la carbonara. Quando ho del tempo libero mi piace provarla in posti nuovi. È la cosa che mi piace fare di più con le mie coinquiline. È bello poterlo fare insieme. Mi piace semplicemente andare in giro per la città. Il tempo qui è fantastico. Quando abbiamo il giorno libero ci piace andare in giro e vedere cose nuove”.

Obiettivi?
“L’obiettivo della squadra è vincere il campionato e partecipare alla prossima Champions League. Il mio obiettivo personale è migliorare costantemente e non accontentarmi mai. Voglio continuare a sfidare me stessa e diventare una giocatrice migliore”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile