Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Verdone: “Ero scettico su Fonseca, mi sono ricreduto. Totti? Spero possa tornare”

L’attore romano e romanista: “L’addio al calcio di Totti è stata una cosa molto romantica. La sua storia ha rappresentato parte della nostra vita”

Il noto attore romano Carlo Verdone ha rilasciato una lunga intervista, riportata sulle colonne di Sportweek: tra i tanti temi trattati, anche la Roma, squadra per la quale non ha mai nascosto la sua fede. Qui uno stralcio delle sue parole:

Il calcio ha diversi problemi, ma la sua Roma sta viaggiando bene, nonostante gli infortuni e le ultime due sconfitte
“All’inizio ero impaurito, mi sembrava una squadra minore rispetto gli ultimi anni, appiccicata con lo scotch. Fonseca sta invece dimostrando di essere un buon allenatore. Questo portoghese venuto da Donetsk sta svolgendo un buon lavoro con giocatori che non sono neppure titolari. È riuscito a comporre un mosaico in modo straordinario”.

Gli addii di Totti e De Rossi?
“Essendo amico di tutti e due, magari di Francesco un po’ di più, sono dispiaciuto. Oggi il calcio è cambiato. Ci sono giocatori validi anche dopo i 35 anni. Ibrahimovic lo vogliono ancora in Italia. Ribery sta andando molto bene a Firenze. Con le diete, gli allenamenti e la gestione si può arrivare a 40 anni, dopo però basta. L’unica eccezione è stata Roger Milla, il centravanti del Camerun, ma lui aveva un fisico particolare”.

Non c’è qualcosa di romantico nella scelta di De Rossi di andare a giocare in Argentina, al Boca Juniors?
“No, penso semplicemente che Daniele avesse ancora voglia di scendere in campo, di vivere qualche altra emozione. La vera cosa romantica è stata l’addio al calcio di Totti. È stato molto toccante perché la storia di Francesco ha rappresentato un periodo della nostra vita. Nel mio caso, mi ha riportato allo stadio e mi ha riavvicinato a mio figlio. Quel giorno all’Olimpico ci siamo commossi perché Totti, per tanti anni, ci ha fatto essere contenti di essere a Roma. Non abbiamo vinto molto, ma abbiamo goduto delle sue prodezze”.

Sembrava impossibile, ma Totti non fa più parte della Roma
“Francesco meritava un minimo di considerazione in più. Io mi auguro che un giorno possa tornare”.

Il ciclo più bello e duraturo della Roma è quello legato a Nils Liedholm
“Gran personaggio, gran signore”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News