Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bavagnoli: “Se avessimo giocato il primo tempo come il secondo non avremmo perso”

L’allenatrice giallorossa: “Devo fare i complimenti per il secondo tempo quando hanno reagito”

Betty Bavagnoli ha parlato hai microfoni di Roma Tv  al termine della partita contro la Florentia, persa 2-1 dalla Roma Femminile. Queste le sue parole:

“La Florentia ha vinto tutti i contrasti nel primo tempo, sui rinvii del loro portiere siamo sempre arrivate seconde. Non siamo state brave, queste cose in Serie A si pagano. Devo fare i complimenti per il secondo tempo quando hanno reagito. Se avessimo giocato il primo tempo come il secondo non avremmo perso”.

Il loro gol iniziale e il terreno di gioco hanno complicato le cose?
“No, non penso perché il campo c’era anche per loro. Se vogliamo crescere dobbiamo essere una squadra che tira fuori quella personalità che oggi è mancata. In molti momenti non ci abbiamo creduto abbastanza, dobbiamo fare un bagno di umiltà e riflettere su dove vogliamo andare e su che squadra vogliamo essere. Oggi è stata una partita no, ci prendiamo le nostre responsabilità”.

Per riscattarsi c’è il big match contro la Juventus.
“Certo, affrontare una squadra così importante ci permette di eliminare lo schema mentale di oggi e proiettarci verso una partita che dal punto di vista della personalità dovrà essere diversa dal primo tempo di oggi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile