Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rawez Lawan: “Serie A? Un giorno allenerò la Roma”

“Il progetto del Dalkurd è legare le persone al territorio, alla nostra cultura”

Intervenuto durante il palinsesto di Teleradiostereo, Rawez Lawan, giocatore del Dalkurd, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Cosa significa giocare in un club di origini curde?
Per me è come una nazionale, la nazionale del mio paese. Purtroppo il Kurdistan non è stato riconosciuto nemmeno dal punto di vista sportivo, quindi per me, il Dalkurd rappresenta la mia nazione”.

Sentite, insieme ai tuoi compagni, di essere un esempio di riscatto sportivo e sociale del vostro popolo?
Per noi è importantissimo, il progetto del Dalkurd è proprio questo, legare le persone al territorio, alla nostra cultura. E’ un modo per connettere tante persone, farle sentire parte di una nazione.

Ti piacerebbe giocare un giorno un’amichevole contro una squadra turca?
Sarebbe bellissimo, perchè il calcio è amore, non divisione. Io non avrei nessun tipo di problemi, anzi sarei favorevole. L’unico problema sarebbe capire come lo stadio potrebbe reagire a questo tipo di avvenimento.

Che tipo di ambiente hai trovato in Svezia? Perchè il Dalkurd è nato proprio lì?
La cittadina che ha ospitato la nostra comunità ha dato i natali al Dalkurd. Ed è lì che sono arrivati tanti curdi, in fuga dalla guerra.

Ti piacerebbe giocare in un campionato top come la Serie A o il tuo sogno è rimanere al Dalkurd?
Io devo essere realista, ho 32 anni, difficile pensare che la mia carriera possa regalarmi una cosa del genere. Io già gioco nel club dei miei sogni, sicuramente quando diventerò allenatore, arriverò in Italia e allenerò la Roma, il club che è stato di Totti e Cassano, quando giocavano non mi perdevo una partita. Mi piacevano tantissimo anche Vieri e Ronaldo, il vero Fenomeno.

Qual è il tuo giocatore preferito in questo momento?
Messi, ma nel mio ruolo De Jong, Fernandinho, De Rossi, Pjanic: questi sono i miei modelli.

Sei di Malmo come Ibrahimovic.
Vero, sono convinto che verrà in Italia. Credo giocherà nel Napoli di Ancelotti, sarebbe perfetto per loro.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News