Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 25 novembre 2001: la Roma stende il Bologna al Dall’Ara (VIDEO)

I giallorossi ottengono 3 punti sul campo del Bologna, grazie alle reti di Samuel, Batistuta e Assuncao. Wome prova a riaprire il match ma senza risultato

Il 25 novembre del 2001 la Roma di Fabio Capello espugnava lo stadio Dall’Ara di Bologna imponendosi con il risultato di 1-3. I giallorossi, orfani del capitano Francesco Totti, devono rimboccarsi le maniche se vogliono riuscire a rimanere agganciati al terzo posto in classifica, cosa non facile vista al partenza a razzo del Bologna nel campionato. La Roma parte forte e dopo solo 3 minuti dal fischio d’inizio trova il gol del vantaggio che incanala la partita a favore dei capitolini: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Panucci rimette in area la palla su cui di testa arriva Samuel. L’argentino stacca più in alto di tutti, spedendo la palla alle spalle di Pagliuca.

La Roma è padrona del campo, e non passa molto tempo prima che Batistuta trovi il gol del momentaneo raddoppio: al 16′ Emerson serve uno splendido filtrante per il Re Leone, che anticipa il portiere rossoblu e appoggia in rete la palla dello 0-2. I giallorossi sono nettamente superiori all’avversario, che però cerca di scuotersi dopo il terribile primo quarto d’ora. Al 38′ arriva il gol che potrebbe riaccendere le speranze del Bologna, grazie all’angolo battuto da Wome e magicamente finito in rete senza nessuna deviazione. La Roma non ci sta e dopo solo 2 minuti, al 40′ trova il gol del 3-1: splendida punizione di Assuncao, che dalla distanza, leva la ragnatela dal sette della porta bolognese. Il secondo tempo potrebbe essere il punto di svolta per il Bologna, che però si dimostra svogliata e impalpabile. La Roma crea diverse occasioni per arrotondare il risultato, ma le spreca malamente. Il 90′ sancisce la fine della gara, regalando a Fabio Capello tre punti fondamentali per il prosieguo del cammino in campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord