Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ora si attende la mossa di Friedkin

Giorni decisivi per il futuro societario

Si apre una settimana importante per la Roma, in campo e negli studi legali. Venerdì la squadra di Fonseca farà visita all’Inter, esame di maturità contro la neo capolista. I giallorossi recuperano Zaniolo dalla squalifica: a San Siro rispetto alla gara di ieri i cambi al massimo saranno due, uno riguarda proprio il rientro del numero 22. Intanto nei prossimi giorni Friedkin potrebbe uscire allo scoperto e presentare l’offerta, inizialmente per partecipare all’aumento di capitale. Lo studio Chiomenti ha completato la due diligence, il miliardario texano è intenzionato ad andare avanti e ora si attende l’offerta.

Il passaggio di proprietà o inizialmente l’ingresso come socio dipende molto anche dallo stadio di Tor di Valle. In Campidoglio è ancora tutto fermo per il progetto della Roma: c’è l’ala dura del M5S che dovrebbe fermare l’iter, ma da qui a Natale sono in programma dei nuovi incontri tra le parti. I proponenti sperano che si possa andare in aula per il voto a febbraio, ma i tempi slittano e non è più possibile fare delle previsioni. Il ritardo tecnico è stato messo in preventivo da Baldissoni.

L’iter comunque sia è avviato, fermarlo significherebbe esporre il Comune a una causa di risarcimento milionario. La bozza definitiva della convenzione arriverà sul tavolo dalla sindaca Raggi entro la fine dell’anno, a quel punto si dovrà esporre. La Roma ha accettato di aspettare oltre Natale, ma la pazienza di Pallotta ha un limite.
Lo riporta il quotidiano “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa