Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

E ora la società va in pressing sullo sponsor

Una delle iniziative su cui sta lavorando Francesco Calvo è la rivisitazione dell’accordo con la Nike che durerà altri 4 anni

I contatti tra Friedkin e la Roma vanno avanti e nei prossimi giorni potrebbero esserci novità. La società chiede di capire in fretta, entro poche settimane, il tipo di impegno per poi procedere con il piano industriale.

Fino a questo momento Friedkin ha manifestato il suo gradimento rispetto alle strategie dell’attuale management. L’obiettivo è quello di implementare i ricavi senza ridurre drasticamente i costi, anche se comporterà sacrifici alla fine di questo campionato in termini di cessioni.

L’indebitamento da 275 milioni conta fino a un certo punti perché verrebbe scalato dal prezzo di acquisto che Friedkin negozierà con Pallotta. Ciò che conta per la Roma in questa fase è ridurre il delta tra costi e ricavi. Per restare in linea di galleggiamento i dirigenti si stanno impegnando a raggiungere una cifra vicina ai 200 milioni di ricavi al netto delle plusvalenze.

Una delle iniziative su cui sta lavorando Francesco Calvo è la rivisitazione dell’accordo con la Nike che durerà altri 4 anni. La Roma ritiene che la firma sul materiale sportivo della squadra possa valere almeno tre volte di più dell’attuale accordo da 5 milioni a stagione. La sensazione è che con un dialogo costruttivo si possa ottenere un corposo bonus. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa