Resta in contatto

Roma Femminile

Bonfantini: “Contro l’Inter sarà una partita speciale per me”

 L’attaccante giallorossa: ” Arriviamo da una vittoria e sicuramente vogliamo di nuovo riconquistare i tre punti. Vogliamo fare il massimo per avvicinarci alla vetta”

Agnese Bonfantini, calciatrice della Roma Femminile, ha rilasciato un’intervista durante il programma Women’s Weekly. Queste le sue parole:

“Sarà una partita speciale per me ritornare a giocare nel campo di Milano, sono cresciuta lì e sarà davvero una partita importante. Arriviamo da una vittoria e sicuramente vogliamo di nuovo riconquistare i tre punti. Loro sono una squadra molto giovane con giocatrici di grande prospettiva; non sarà facile ma cercheremo di dare il massimo. Sicuramente non è stata la nostra partita più bella. Ci ha messe in difficoltà la loro linea stretta visto che noi siamo una squadra che gioca molto sui tagli degli esterni e a palla bassa, è stato difficile anche per il loro modo di pressare molto aggressivo. Vincere però è stato molto importante per l’umore della squadra, ora ci aspetta un’altra grande partita in casa dell’Inter e cercheremo di dare il massimo per vincerla. L’obiettivo è l’aggancio, siamo a -2 dal Milan e -1 dalla Fiorentina e vogliamo fare il massimo per avvicinarci sempre di più alla vetta. Ho scelto di restare alla Roma perché mi interessava molto questo progetto, siamo una squadra giovane e la Roma vuole far crescere le giovani in modo particolare. Siamo anche affiancate da giocatrici esperte che aiutano le più giovani a crescere. Quest’anno c’è più competizione in attacco, sono arrivate calciatrici molto forti e di grande esperienza ma io comunque cercherò sempre di dare il massimo per conquistare la fiducia della coach”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile