Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma aspetta i gol di Dzeko

Ultima rete del bosniaco il 28 novembre contro l’Istanbul

Gli applausi con i quali la Roma è uscita da San Siro e i complimenti di Totti non hanno portato al quarto posto. Il gol di Ragatzu ha salvato il Cagliari al 90′ contro il Sassuolo e fa scivolare ancora una volta la Roma al quinto posto. Fonseca però guarda avanti e sa che questa settimana è molto importante per la stagione visto che giovedì c’è l’ultima gara del girone di Europa League contro il Wolfsberger., basta un punto per passare ai sedicesimi. Nel prossimo turno di campionato poi ci sarà lo scontro diretto Cagliari-Lazio e la Roma giocherà all’Olimpico contro la SPAL, ultima in classifica.

Con il rientro dal primo minuto di Dzeko la squadra dovrebbe ritrovare la verve offensiva che è mancata a San Siro. Ma in questo momento il vero punto di forza è la difesa. La coppia Smalling-Mancini è riuscita a fermare il micidiale attacco interista. I numeri danno ragione a Fonseca: con questa coppia sono arrivati quattro delle cinque partite senza incassare gol in campionato. Adesso la Roma pensa a riscattare l’inglese dal Manchester United. Ma per provare l’affondo serve l’ok del giocatore, che però ha chiesto di aspettare cosa vuole fare lo United. In Inghilterra parlano di un prolungamento del contratto di un anno a 4,5 milioni. Insomma le prossime settimane saranno decisive per il futuro di Smalling. Intanto la Roma spera di ritrovare al più presto i gol di Dzeko. Lo scrive TuttoSport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa