Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Parla Causarano: “Nicolò ha affrontato l’intervento con grande serenità”

Parla il responsabile sanitario giallorosso

Andrea Causarano, medico social del club giallorosso, è intervenuto ai microfoni di “Roma Radio” per parlare dell’intervento chirurgico al quale si è sottoposto Nicolò Zaniolo.

Com’è andata l’operazione? Il post intervento?
“Siamo stati insieme tutto il giorno, è arrivato alle 8. Ha affrontato l’intervento con grande serenità. L’intervento è perfettamente, tecnicamente, riuscito con la grande abilità del professor Mariani. Ci siamo salutati in tarda serata, era molto sereno. Tutto è andato per il meglio, pur con l’amarezza dell’infortunio che lo ha colpito”.

Aveva paura dell’intervento?
“Sì, era il giusto timore però. Era circondato dall’affetto dei familiari e dalla nostra presenza. Soprattutto dalla certezza di tornare a giocare come la maggior parte dei giocatori che subiscono questo intervento”.

Quali sono i prossimi step?
“Già da oggi inizierà le prime fasi di riabilitazione, siamo al giorno uno. Chiaramente la riabilitazione non ha dei tempi precisi, vanno personalizzati e standardizzati step by step. Valuteremo nel corso del tempo quali step supererà e valuteremo. E’ impossibile dare una precisione nei tempi di recupero. Agiremo nel migliore dei modi per il calciatore e per il suo futuro, ma soprattutto per la sua salute”.

Qualcuno ha sollevato dubbi sulla gestione di un fastidio di Zaniolo avuto nella settimana precedente alla Juventus…
“Nicolò non ha avuto problemi al ginocchio, che è stato sano fino al momento della rottura. Ha avuto una contusione con il Torino, una banalissima contusione e lo abbiamo tenuto a riposo. E’ solo un evento casuale, il ginocchio non aveva nessun problema. Tranquillli tutti, lo abbiamo messo in campo in perfette condizioni. Il crociato ha ceduto, ma purtroppo anche ad un calciatore della Juventus. Sono infortuni frequenti, ma andiamo avanti con la sicurezza che tornerà più forte di prima”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra