Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

D’Aversa: “La differenza l’ha fatta Pellegrini con il gol. Loro più vogliosi di vincere”

Il tecnico dei crociati: “E’ stato bravo il loro portiere, quando ci sono queste circostanze è difficile fare gol. Abbiamo creato occasioni alla stessa maniera”

Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, al termine della gara valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Roma ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole:

D’AVERSA ALLA RAI

Cosa è mancato? Le ripartenze?
No, l’episodio. E’ stato bravissimo il loro portiere. La differenza l’ha fatta Pellegrini che ha fatto un bel gol e noi che abbiamo tirato fuori. C’era la volontà loro di portare a casa il risultato a tutti i costi. Hanno avuto più possesso ma abbiamo creato occasioni alla stessa maniera.

Su Inglese e Cornelius…
Cornelius ha fatto molto bene. Inglese è stato bravo a crearsi le occasioni. E’ stato bravo il loro portiere, quando ci sono queste circostanze è difficile fare gol.

Era un atteggiamento conservativo il vostro?
Per quanto riguarda Cornelius e Inglese si era già stabilito di fargli fare un percorso di rientro dall’infortunio. Su Kulusevski il rischio c’era giocando molte partite ravvicinate. Abbiamo cercato di non avere infortuni.

Kulusevski l’ha trovato cambiato? Come farà a tenerlo aggruppato alla vostra realtà?
Se si parla sempre di lui gli creiamo difficoltà. Dal punto di vista della maturità sono sereno, è un ragazzo molto più maturo rispetto all’età che ha.

Sei soddisfatto della prova dei tuoi o pensi che sia mancato qualcosa in attacco?
Soddisfatto quando perdi non lo sei, il primo tempo è stato equilibrato. Nei giocatori offensivi avevamo delle assenze come Gervinho. Ho cambiato 8 giocatori perché reputo gli altri all’altezza. Quando si fanno delle scelte per un allenatore è difficile. La differenza l’ha fatta l’episodio, noi non siamo stati bravi a sfruttare le occasioni.

Cosa vi siete detti con Kolarov?
Situazioni di campo, niente di particolare. Da persone mature si è chiarita la situazione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News