Resta in contatto

News

Cancellieri: “E’ un onore lavorare per Totti. Carles Perez farà bene”

Le parole del nuovo talent scout

Carlo Cancellieri, allenatore della Totti Sporting Club Ca8, ha parlato della sua squadra, del suo lavoro da talent scout nelle due nuove società di Totti e di un giovane giallorosso. Di seguito le sue dichiarazioni.

 

CANCELLIERI A CENTRO SUONO SPORT

Il tuo lavoro di talent scout?
“Molto bello, ora quello che facevo per Roberto Mancini lo farò per Francesco Totti. È un piacere e un onore perché per me Totti è il numero 10 in assoluto”.

Cosa pensi di Ariedo Braida?
“Ha fatto 25 anni di Milan e ha vinto tutto, è veramente un grande dirigente. Per me è come un secondo papà, l’ho seguito anche al Barcellona e ho avuto modo di vedere dal vivo Messi, non proprio l’ultimo arrivato”.

Fonseca?
“A me piace tantissimo, è un allenatore molto preparato e ha un gioco molto propositivo. Purtroppo la Roma negli ultimi anni è un po’ sfortunata dal punto di vista degli infortuni, Fonseca non è mai riuscito a dar continuità allo stesso undici per più di un tot di partite”.

Il Pek nella squadra di calciotto che alleni?
“Sono contento, per me Pizarro potrebbe ancora giocare in Serie A, figuratevi. Insieme a Totti, ovviamente. Totti e Pizarro sono quei giocatori che non hanno età, devono giocare finché ne hanno. Anzi, se potessi dare un consiglio alla Roma, visto che qualche problema a centrocampo ce l’ha, gli direi di prenderlo il Pek. Su Totti non dico nulla perché è il primo che potrebbe far comodo alla Roma (ride, ndr). Con Pizarro una cosa è sicura: la palla gli avversari non la vedono mai. Il Pek ha una visione di gioco impressionante, è molto raro trovare giocatori con questa caratteristica. Il mio centrocampo ideale è questo: 4-2-3-1, Pizarro e Arabat in mezzo e Totti trequartista. Quando dico che Totti è il 10 in assoluto, lo dico per questo”.

Cosa pensi di Carles Perez?
“A me piace molto, secondo me farà bene”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News