Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bavagnoli: “Soddisfatta della squadra, ci abbiamo creduto da subito”

Coach Bavagnoli analizza la vittoria contro il Verona

Elisabetta Bavagnoli non può che essere soddisfatta per la vittoria netta contro il Verona. Queste le sue parole al termine del match:

Aveva chiesto continuità nell’arco dei 90 minuti e oggi questo risultato racconta il vostro lavoro.
Sono soddisfatta. Faccio i complimenti alle ragazze perché si sono comportate bene contro una squadra dove non era per niente scontato un risultato positivo. Una squadra che ha un’ottima organizzazione, con giocatrici che sanno giocare. Ci abbiamo creduto da subito e forse, per quanto riguarda il Verona, qualche disattenzione ci ha messe nella condizione di segnare i primi due gol. Siamo state brave a gestire la gare.

Più soddisfatta per i 6 gol fatti o per il clean sheet.
Sono soddisfatta per il fatto che le ragazze abbiamo messo in campo quella mentalità che chiedevo alla squadra. Avevo chiesto una prova di carattere, continuità nel nostro percorso di crescita e questo atteggiamento si è visto dal primo al novantesimo minuto. Certo, dopo il primo tempo, forse anche involontariamente, dopo il 5-0 non porta a premere sull’acceleratore, ma ho chiesto alle ragazze di continuare, di essere corti e giocare due tocchi e lo hanno fatto, anche con un po’ di altruismo negli ultimi minuti. Dobbiamo imparare ad essere efficaci su qualunque pallone perché ci saranno delle partite più difficili e dobbiamo approfittare di ogni occasione che ci capiterà.

Prossime sfide con il Sassuolo e poi il ritorno di Coppa Italia. Periodo dove sarà importante trovare la continuità per restare vicino al secondo posto.
Sicuramente, sappiamo che la prossima gara sarà una gara fondamentale. Avevo detto alla squadra che adesso ci sono partite fondamentali: questa con il Verona, la prossima con il Sassuolo e il ritorno di Coppa Italia. Lavoreremo tanto e cercheremo di arrivare pronte anche alla gara di domenica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile