Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il gelido inverno romanista (anche se fa caldo)

Con 4 punti in sette gare la Roma compromette la corsa al quarto posto

La foto del momento: punizione sulla trequarti offensiva guadagnata da Dzeko nei minuti finali, un’occasione quasi insperata per tentare il pareggio, Pellegrini, che ne ha già calciata una sulla barriera, non sa cosa fare e appoggia il pallone a Veretout il cui cross è totalmente innocuo. E’ il game over di un’altra stagione deludente, la seconda di fila. La Roma non c’è più. Non ci crede, regala gol a ogni avversaria e, Dzeko a parte, non si avvicina neppure a segnare. I numeri e le prestazioni del 2020 sono disastrosi, in campionato ha addirittura due punti in meno dell’anno scorso.

Per 13 volte nelle ultime 30 stagioni la Roma ha compromesso tutto da gennaio in poi. Dopo i quattro gol rifilati alla Fiorentina a domicilio e a soli sette punti dalla vetta, nel giro di nove partite la squadra di Fonseca ha distrutto praticamente tutto. Erano 45 anni che la Roma non ricominciava così male dopo la sosta.

Fonseca contro l’Atalanta ha provato a impostare una partita da squadra “inferiore” ma affidandosi ai giocatori di qualità, azzerando la mediana. Un controsenso. Adesso il portoghese finisce sul banco degli imputati, Qualcosa sta sbagliando, ma possibile che a Trigoria diventino tutti brocchi nel giro di pochi mesi? A Fonseca restano tre mesi per smentire il teorema. Lo scrive Iltempo.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa