Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Razzismo, Marega reagisce e lascia il campo: caos in Portogallo (FOTO/VIDEO)

L’attaccante francese naturalizzato maliano ha deciso di lasciare il campo durante il match di Liga Nos contro il Vitoria Guimaraes

Il mondo del calcio continua ad essere oppresso dalla piaga del razzismo, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Ieri un altro episodio increscioso si è verificato in Portogallo, ai danni dell’attaccante del Porto Marega.


Dopo il gol siglato contro il Vitoria Guimaraes, in cui il giocatore ha indicato il colore della pelle, visti i tanti insulti ricevuti per tutta la gara, la situazione è lentamente peggiorata, tanto da costringere il giocatore a lasciare il campo in segno di protesta dopo i tanti insulti razzisti ricevuti. Lo stesso tecnico del Porto Sergio Conceiçao, ha poi dichiarato: “Siamo completamente indignati. Hanno insultato Marega a partire dal riscaldamento. Noi siamo una famiglia, non facciamo distinzioni di nazionalità, colore della pelle, altezza o colore dei capelli e tutti meritiamo rispetto. Ciò che è successo è oltraggioso”.

A fare discutere è anche il comportamento dell’arbitro, che non solo non ha interrotto la partita, ma anzi ha punito lo stesso Marega con il cartellino giallo, dopo le accese proteste dopo il gol. Il giocatore ha continuato la sua battaglia su Instagram, pubblicando un post molto acceso: “Vorrei solo dire a questi idioti che vengono allo stadio a urlare razzisti … andate a farvi fottere. E ringrazio anche gli arbitri per non avermi difeso e per avermi dato un cartellino giallo perché difendo il colore della mia pelle.
Spero di non incontrarti mai più su un campo di calcio! Siete una vergongna!”

Anche il difensore della Roma Juan Jesus, molto attento al tema del razzismo, ha voluto prendere le difese di Marega: il giallorosso ha infatti pubblicato su Instagram la storia del giocatore, accompagnata dalla scritta in portoghese “No al razzismo, combattiamo uniti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News