Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “L’Europeo sarebbe la ciliegina sulla torta della mia carriera in Nazionale”

Le parole del centravanti bosniaco

Edin Dzeko, centravanti e capitano della Roma, ha rilasciato un’intervista al sito ufficiale della Uefa:

La Nazionale e il neo tecnico Duran Bajevic.
“Certamente abbiamo un allenatore che ha molta esperienza alle spalle. Ci può dare molto e noi giocatori sappiamo cosa ci aspetterà nelle partite di marzo. Non penso ci sarà bisogno di avere altre motivazioni. Il mister sta già preparando tutto il necessario per queste sfide. Speriamo di poter giocare due partite visto che prima ci sarà la semifinale. Dovremo essere pronti, questo sarà il nostro obiettivo”.

La fortuna.
“Mi auguro sia dalla nostra parte. In altre occasioni non siamo stati fortunati con il sorteggio, vedi il Portogallo che per noi rappresenta una super potenza. Ora abbiamo l’occasione di giocare davanti ai nostri tifosi e dobbiamo fare del nostro meglio. Io ci credo nel campionato europeo”.

La qualificazione sarebbe un obiettivo storico.
“Non sarebbe una cosa da poco e significherebbe molto per me come giocatore. Tutti sogniamo di giocare in grandi competizioni con la nostra squadra nazionale. Dopo la Coppa del Mondo in Brasile, questa sarebbe in qualche modo la ciliegina sulla torta della mia carriera in Nazionale”.

L’Irlanda del Nord.
“Non ci sono gare facili. Tutti si aspettano che gli attaccanti risolvano le partite. Ci sono abituato a questa pressione. Spero di giocare al meglio nelle prossime partite e aiutare i miei compagni di squadra”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra