Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il giovedì di Europa League: da scocciatura a salvezza

Per la Roma diventa una possibilità

La partita di Europa League, il giovedì sera, era temuta dagli allenatori come la peste bubbonica. Poco tempo per recuperare le energie in vista della domenica; stadi mezzi vuoti o vuoti del tutto; premi Uefa nettamente inferiori a quelli della Champions League; motivazioni per i calciatori da cercare con il lanternino. Bei tempi.

Per la Roma edizione 2020 l’Europa di scorta non è più una scocciatura ma una possibilità. Praticamente l’ultima spiaggia. Il campionato sta precipitando: l’Atalanta è quarta in classifica a +6 e ha anche lo scontro diretto favorevole; Milan, Parma e Verona si sono avvicinate a -4. Napoli e Bologna a -6. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa