Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini, quei fischi che cambiano il vento

Non tutto l’Olimpico ha fischiato Pellegrini, come se fosse il colpevole unico della triste situazione della Roma

Il centrocampista sta giocando male, senza tirare fuori la storia del piede dolorante. I fischi sono legittimi, come ogni forma di protesta civile. C’è anche chi ha il diritto di pensare che quei fischi durante il cambio contro il Gent fossero un po’ ingiusti, come magari in passato lo sono stati per altri capri espiatori come lui.

La protesta non tiene conto che Pellegrini non è il solo calciatori ad aver abbassato il suo livello di rendimento, che il numero 7 è un patrimonio della Roma, della Nazionale, uno di quei ragazzi cresciuti a Trigoria e attaccati alla maglia e che ha un contratto con una clausola pericolosa e che forse sarebbe preferibile rinnovare per blindarlo.

La Roma sta andando male e non è il caso di mettere in discussione i simboli o quelli designati ad esserlo. Pellegrini è stato uno dei migliori nella prima parte di stagione e adesso sta pagando un calo fisico e psicologico. Come ha sostenuto Fonseca sente addosso maggiori pressioni in un contesto che ha visto perdersi nel tempo i riferimenti di TottiDe Rossi e anche Florenzi. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa