Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, se la crisi non è (solo) di nervi

Di buono dalla gara contro il Gent c’è solo il punteggio

L’1-0 permette di approcciare in modo diverso anche la partita contro il Lecce, che va vinta. I problemi però rimangono. La Roma vista giovedì è una squadra in palese difficoltà fisica e tatticaFonseca continua a pensare che sia un problema mentale, ma il campo e la squadra dicono altro. Basterebbe analizzare la prestazione di Perez che è arrivato a gennaio, sembrava volasse rispetto ai compagni che rimandano al mittente quando si parla di problema mentale.

Se non riesci a fare le cose che prima ti venivano naturali, subentra il timore di sbagliare e in questo momento, dove manca brillantezza a livello atletico, emergono i limiti individuali dei calciatoriDzeko ha riassunto tutto con “mancanza di qualità“, ma c’è dell’altro. La Roma fatica a giocare con il 4-2-3-1 perchè non ha gli interpreti per attuarlo: manca un regista di ruolo, i due terzini non hanno la qualità e la corsa richiesta da Fonseca e il tridente offensivo dietro Dzeko segna troppo poco. Nella top 40 della Serie A per tiri in porta la Roma ha soltanto il bosniaco e distantissimo, al 39esimo posto, Kolarov.

Perdendo la forza fisica di Zaniolo e le geometrie di Diawara la Roma ha dato qualche segnale di vita soltanto quando ha riprovato a schierarsi col 4-1-4-1. Fonseca si potrebbe rifuggiare nel 4-3-3 e, in un periodo dove si fatica a creare gioco, questo modulo permette di farlo anche senza un playmaker, potendo utilizzare le mezzali. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa